Generalità

Le tecniche di allevamento riguardano soprattutto riproduzione, alimentazione, progettazione strutture, aree e percorsi, dimensionamento del carico. Nella pagina di download troverete due file (slides formato pdf) sull'allevamento bovino da latte e da carne e appunti sulla riproduzione e la selezione (categoria 'Tecniche di allevamento'); è disponibile anche un piccolo e sommario schema su alcuni foraggi molto utili alle nostre latitudini, con rese, caratteristiche, etc (categoria 'Schemi e Tracce'). Conto di inserire progressivamente altro materiale.

Ricordo che sui siti delle diverse Facoltà di Agraria e Veterinaria (Federica di Napoli, DSZ di Sassari, etc.) e di altre istituzioni (Centre Information des viandes", CRPA, etc) si trova moltissimo materiale, anche disponibile per il download.

Aggiungo, come faccio sempre, che un allevamento, date le effettive condizioni climatiche e pedologiche della zona, deve i suoi risultati per un terzo all'adozione di corrette tecniche di riproduzione, per un altro terzo alle scelte relative ad alimentazione e razionamento; il restante terzo è imputabile a: igiene e sanità dell'allevamento, progettazione della stalla, delle strutture e dei percorsi, scelta di macchine e attrezzature idonee, situazione di mercato e trasporti, fortuna (!). Ovviamente questi valori hanno il solo scopo di dare un'idea dell'importanza di alcune tecniche nel moderno allevamento da reddito.

Scelte tecniche generali

La prima scelta da effettuare sarà sempre: che cosa produrre? Carne (bovina, suina, altro), latte (ovino, caprino etc), prodotti derivati (formaggi, salumi, altri lavorati), uova (galline, oche), etc. Seguiranno poi:

  1. scelta della razza;  questa in effetti è in gran parte di fatto già determinata dall'ambiente nel quale l'attività produttiva deve avvenire e/o dalla situazione del mercato su cui si immetterà il prodotto, sulla base delle caratteristiche del prodotto che si vuole vendere;
  2. scelta dei sistemi e dei metodi riproduttivi più idonei (monta - libera o gestita - o inseminazione, scelta dei riproduttori e tecniche di selezione);
  3. scelta delle tecniche alimentari ottimali (pascolo con o senza integrazione alimentare in stalla, o alimentazione in mangiatoia, con o senza miscelazione - UniFeed o TMR, somministrazione separata di mangimi, concentrati e foraggi – etc;
  4. scelta delle strutture, delle macchine, delle attrezzature...
  5. scelta del mercato al quale rivolgersi (conferimento del latte presso cooperative di trasformazione o stabilimenti privati, trasformazione aziendale; macellazione degli animali in proprio o vendita dei soggetti a peso vivo etc).
Joomla templates by a4joomla