Ciò che bisogna sapere per una corretta nutrizione del bestiame è schematizzato come segue:

  • digestione e metabolismo delle sostanze nutritive negli animali allevati;
  • importanza dei diversi principi nutritivi per il metabolismo;
  • contenuto in principi nutritivi degli alimenti;
  • fabbisogni (esigenze) dei singoli principi per il tipo di animali considerati o per l'animale specificamente in esame.

Si definiscono fabbisogni (o esigenze) nutritivi (o alimentari) di un animale, le quantità necessarie dei diversi principi nutritivi in 24 ore. I principi nutritivi sono:

  • Energia (Kcal o Kj),
  • Proteine (g),
  • Vitamine (mg o U.I.),
  • Minerali (g o mg).

I fabbisogni nutritivi dipendono dai seguenti fattori:

  1. specie, razza, sesso, età dell'animale;
  2. peso vivo del soggetto e sue eventuali variazioni;
  3. tipo e quantità dell'eventuale produzione giornaliera (latte, carne, altro);
  4. entità del movimento cui è soggetto giornalmente l'animale;
  5. necessità legate alla termoregolazione.

Slide sui fabbisogni

I passi necessari per una valida e funzionale alimentazione del bestiame sono:

  • caratteristiche produttive e categoria alla quale appartiene l'animale o il gruppo di animali in esame;
  • conoscenza delle caratteristiche chimiche e fisiche dei diversi alimenti;
  • analisi della disponibilità degli stessi in azienda o sul mercato nei diversi periodi;
  • formulazione della razione alimentare più idonea secondo quanto riportato in precedenza e scelta della modalità di somministrazione.

Per la formulazione della razione, tappa finale del lavoro, saranno necessarie conoscenze relative al calcolo delle percentuali degli alimenti nella razione e, attualmente, all'uso del computer e dei software disponibili per risolvere i problemi del razionamento e per costruire una banca dati (database) degli alimenti di utilizzo frequente e comune.

Joomla templates by a4joomla